Fe.D.E.R.

Federazione Diabete Emilia Romagna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Notizie Anche i bambini possono ammalarsi di Diabete, riconoscerlo è facile….basta pensarci

Anche i bambini possono ammalarsi di Diabete, riconoscerlo è facile….basta pensarci

PROGETTO PER UNA DIAGNOSI PRECOCE DEL DIABETE IN ETA’ PEDIATRICA

Desideriamo che quante più persone possibile abbiano in mente i sintomi precoci del diabete, affinchè non solo il pediatra di libera scelta, ma gli stessi genitori e operatori scolastici ad ogni livello, possano riconoscere facilmente il diabete fin dai primi sintomi.

 

PER UNA DIAGNOSI PRECOCE DEL DIABETE IN ETA’ PEDIATRICA

Titolo del Progetto

“Anche i bambini possono ammalarsi di Diabete, riconoscerlo è facile….BASTA PENSARCI”

Contesto territoriale e sociale

Ritardo diagnostico

Ancora oggi il DMT1 è riconosciuto tardivamente in una elevata percentuale di casi con rilevanti rischi per il paziente e costi per il Servizio Sanitario. Al contrario, una diagnosi precoce di DMT1 riduce il rischio della più temibile delle complicanze della malattia, la chetoacidosi diabetica, e del rischio elevato di mortalità e morbilità ad essa associate. La diagnosi precoce garantisce anche un follow-up della malattia più agevole.

Il ritardo diagnostico è imputabile principalmente al tardivo ricorso alla consultazione medica da parte dei genitori che possono sottostimare i primi segni della malattia (scarsa informazione )e/ o al percorso diagnostico non ottimale proposto dal medico curante.

Anche la condizione di pre-diabete (intolleranza al glucosio) e di DMT2 viene spesso non diagnosticata nei bambini-adolescenti obesi esponendoli al rischio, in assenza di terapia appropriata, di sviluppare diabete manifesto e complicanze croniche ad esso correlate in età precoce.

Uno studio inglese relativo all’anno 2005 mette in evidenza che su 116 bimbi diabetici deceduti nell’arco dell’anno, il 72% di loro è morta per le complicanze strette del diabete.(…….)

L’83% è morto durante il trattamento della chetoacidosi diabetica, e di questi, il 70% dei decessi è stato per edema cerebrale.

Spesso dal momento della segnalazione dei primi sintomi riferiti dal genitore al pediatra al momento in cui viene fatta la diagnosi di diabete, passa troppo tempo con elevato rischio di danni anche irreversibili .Risulta per contro ampiamente dimostrato che prima si iniziano le cure, più facile è prevenire le complicanze acute della malattia, in particolare la chetoacidosi diabetica, e migliore può essere il decorso clinico.

Aumento della sete, minzioni più frequenti, enuresi, sono sintomi apparentemente facili da riconoscere: ad essi serve dare il giusto peso per accorciare i tempi della diagnosi e prevenire la comparsa dei corpi chetonici urinari (significativi di chetoacidosi!)

 

Ambito d’azione

Attuare una campagna informativa a più livelli: pediatri , famiglie, scuole, evitando un approccio che crei troppa ansia nelle famiglie.

Importante è che le associazioni lavorino in sinergia con la sanità pubblica, in modo da favorire il raggiungimento di obiettivi comuni.

Prioritario e’ raggiungere quante più persone possibile per diffondere informazioni e conoscenza sulla patologia diabetica troppo spesso non riconosciuta in tempo.

La diagnosi tardiva può avere conseguenze gravissime nonostante la disponibilità di conoscenze e tecnologie per diffondere le informazioni ed avere una diagnosi precoce.

La diagnosi, di per sè, risulta di facile esecuzione con un semplice test praticabile nell’ambulatorio del proprio medico curante con conferma da parte dello specialista. Per prevenire la chetoacidosi è fondamentale intervenire il prima possibile: meglio la sera prima che la mattina dopo.

 

A chi è rivolto il Progetto.

Il Progetto è rivolto a tutti i cittadini ed in particolare a:

genitori, medici pediatri di libera scelta, medici pediatri di comunità,  educatori di asili nido, insegnanti di scuole dell’infanzia e di scuola primaria.

 

Descrizione del Progetto

La prima parte del progetto prevede la consegna gratuita di alcuni strumenti di comunicazione differenziati con una lettera di accompagnamento.

Strumenti di comunicazione

Un poster e un pieghevole in più lingue da distribuire negli ambulatori dei PLS, nelle sedi  CUP, nelle  sedi dei Pediatri di Comunità.

I genitori sostano nelle sale d’aspetto dei pediatri, negli ambulatori per le vaccinazioni, nelle sedi CUP, e leggono ripetutamente tutto ciò che sta sulle pareti. Ci si attende pertanto che molte persone leggano il messaggio che anche un bambino può avere il diabete e che il bere e urinare più del solito sono sintomi da indagare.

Per le scuole è stato previsto un segnalibro o cartolina destinato agli insegnanti della scuola dell’infanzia e della scuola primaria, agli educatori dei nidi.

Il materiale, prodotto in accordo con la Regione ER che ne ha curato i contenuti e la grafica sarà stampato e  fornito dalla Federazione Diabete Emilia Romagna e consegnato attraverso l’ASL di appartenenza.

Si prevede inoltre un Convegno Regionale per presentare il progetto con un momento di dibattito: convegno o tavola rotonda che coinvolga anche la scuola,  che sarà ripetuto in ogni provincia.

 

Obiettivi

Ridurre i casi di chetoacidosi diabetica attraverso una diagnosi precoce.

Diffondere cultura e conoscenza sul diabete in età pediatrica.

Desideriamo che quante più persone possibile abbiano in mente i sintomi precoci del diabete, affinchè non solo il pediatra di libera scelta, ma gli stessi genitori e operatori scolastici ad ogni livello, possano riconoscere facilmente il diabete fin dai primi sintomi.

“Creare cultura” sulla malattia diabetica in età pediatrica.

 

Durata del Progetto

Il Progetto partirà a settembre 2014 in concomitanza con l’inizio dell’anno scolastico 2014/15 , si prevede di distribuire il materiale in tutte le 9 province entro l’autunno, la durata sarà definita in un secondo tempo.

 

Risultati attesi

Difficile valutare a priori i risultati. Ci si aspetta una diminuzione progressiva dei ricoveri per chetoacidosi se, grazie all’informazione capillare dei medici e genitori, ci sarà un riconoscimento precoce dei sintomi del diabete.

Programma descrittivo

L’ASL in collaborazione con Fe.D.ER  distribuirà il materiale ai destinatari, invitando i PLS ad esporre il manifesto in ambulatorio, contemporaneamente si programma una Tavola Rotonda per discutere l’argomento.

Strumenti di valutazione intermedi e finali

Si potrebbe proporre un questionario per i genitori che accedono all’ambulatorio del pediatra, un questionario molto semplice da distribuire presso i nidi, la scuola dell’infanzia e la scuola primaria.

I dati elaborati saranno presentati in occasione di un evento regionale.

Si potrebbe chiedere ai Centri di Diabetologia Pediatrica di studiare la frequenza di chetoacidosi prima e dopo la Campagna Informativa che si andrà a realizzare.

Piano economico

Regione ER per la comunicazione corretta dei contenuti, la grafica.

Stampa dei materiali a carico di Fe.D.ER

Oneri derivanti dall’organizzazione dei Convegni a carico di Fe.D.ER e delle Associazioni locali.


Il Progetto che ha visto la collaborazione della Regione Emilia-Romagna allo sviluppo della campagna informativa promossa da Fe.D.ER per la prevenzione della chetoacidosi diabetica è replicabile. La procedura per l’eventuale riutilizzo da parte di altre regioni o enti di ciascuno dei 6 materiali prodotti (cartolina, segnalibro, poster e tre versioni del pieghevole – italiano, inglese, francese) è la seguente:

1. la richiesta deve essere formalizzato mediante scambio di lettera fra gli enti, da indirizzare all’attenzione del responsabile del Servizio Comunicazione, Educazione alla Sostenibilità e Strumenti di Partecipazione Dott. Paolo Tamburini, via dei Mille 21 40121 BO, o tramite mail utilizzando i seguenti indirizzi:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e per conoscenza  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

2. Verrà fornito un pdf aperto in cui la regione/ente richiedente potrà apporre i propri loghi

3. Su ognuno dei materiali utilizzati bisognerà apporre il seguente disclaimer: “Campagna promossa da Fe.D.ER in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, progetto grafico Monica Chili”

 

Iniziative e convegni

Mese precedente Aprile 2018 Prossimo mese
L M M G V S D
week 13 1
week 14 2 3 4 5 6 7 8
week 15 9 10 11 12 13 14 15
week 16 16 17 18 19 20 21 22
week 17 23 24 25 26 27 28 29
week 18 30