Fe.D.E.R.

Federazione Diabete Emilia Romagna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Chi siamo

Chi siamo e cosa facciamo

Perchè siamo nati?

Nell'attuale Servizio Sanitario Nazionale, il Ministero, oltre all'emanazione di apposite leggi (115/87) relative alle attività di assistenza, a livello locale, può solo redigere linee guida, con indirizzi di massima cui le regioni si devono o dovrebbero attenere.

In pratica le società di assistenza, più o meno valide, dipendono, individualmente, dal governo delle singole regioni, che con apposite delibere, mettono in atto, secondo le proprie vedute e disponibilità, gli obiettivi stabiliti dal Ministero, in pratica:

  • Le Leggi Nazionali devono essere applicate in tutta Italia, o meglio, vista la situazione attuale, dovrebbero, nei termini e nei tempi indicati in apposito articolo delle stesse.
  • Le Leggi Regionali analogamente devono essere applicate nella regione che le ha emanate.
  • I Decreti Legislativi dato che nella quasi totalità, non hanno termini temporali di applicazione, dovrebbero essere applicati.
  • I Decreti Regionali analogamente, dovrebbero essere applicati sul territorio regionale, ove sono stati emanati.

Il problema principale è che le attuali Aziende Sanitarie Locali, in quanto aziende , devono fare i conti con gli stanziamenti previsti: in prima istanza dal Ministero della Salute, ed eventualmente integrati dai vari Assessorati Regionali. Per Queste ragioni, a tutela dei pazienti, sono indispensabili:

  • Singole Associazioni "locali" almeno una per ogni Azienda Sanitaria Locale, e laddove ve ne siano di più, meglio un coordinamento "aziendale" affinchè vigili sull'applicazione delle Leggi e/o Delibere esistenti, sulla qualità dei Servizi offerti sul territorio aziendale.
  • Assistenza sanitaria integrata con la partecipazione di Medici specialistici, Medici di Medicina Generale, Pediatri e Associazioni dei pazienti, Distribuzione presidi farmaceutici, comprensiva di quantità e qualità della distribuzione, intervenendo direttamente ove necessario.

Federazioni Regionali, uno per Regione, che devono essere referenti presso Assessorato al diritto alla salute, Commissione Sanità, e Giunta Regionale in modo continuativo per

  • Emanazione di Leggi e Decreti regionali.
  • Stimolo a migliorare l’educazione e l’informazione.
  • Partecipazione con rappresentanze ufficiali per le due principali tipologie di diabete, tipo 1 e tipo 2, opportunamente coordinate nelle Commissioni Regionali per le Attività Diabetologiche, chiedendone l’attivazione nelle Regioni in cui non sono ancora state istituite.
  • Supporto ad eventuali problematiche segnalate dalle singole Associazioni e/o anche dai singoli pazienti (su segnalazioni scritte, mai solo verbali).
  • Organizzazione di Convegni, Incontri, Tavole Rotonde su temi specifici, sociali e/o sanitari riguardanti il “Diabete” da attivare preferibilmente in collaborazioni con le Associazioni Mediche (SID, AMD, SIEDP, MMG) e Infermieristiche (OSDI), con i Centri Regionali di Riferimento, laddove esistenti, e con le Istituzioni Regionali.
  • Stimolare la Ricerca di nuovi presidi, che migliorino la qualità di vita dei pazienti.
  • Stimolare la ricerca di soluzioni “definitive” per raggiungere il traguardo “Vincere il diabete”.
  • Indagini sui Servizi di Diabetologia esistenti e sulla qualità degli stessi percepita dai pazienti.
  • Raccolta di Leggi e Decreti che riguardano specificatamente, o che comunque influenzano il diabete.
  • Raccolta e diffusione di Leggi e Decreti sul “volontariato”, indicando pregi e difetti per singole valutazioni della forma più utile per il raggiungimento degli obiettivi dei pazienti.
  • Indagini sulle associazioni esistenti sul territorio, con valutazione dell’impegno in ambito del volontariato (Locali a disposizione, Segreteria informativa con apertura periodica gestita da personale “ben informato ed in grado di trasmettere corrette informazioni”, collegamenti ad associazioni Provinciali, Regionali e/o Nazionali, Attività svolte regolarmente, ecc...).

Federazione diabete Emilia Romagna Fe.D.E.R. potrà partecipare ai tavoli istituzionali regionali per l’elaborazione di progetti/protocolli per il miglioramento e l’unificazione a livello regionale di:

  • Qualità dell’assistenza al paziente con diabete.
  • Efficaci sistemi di prevenzione, soprattutto delle complicanze.
  • Uniformità di distribuzione dei presidi con creazione di apposite commissioni di verifica ed aggiornamento periodico nelle quali siano inseriti i rappresentanti dei pazienti.
  • Abolizione delle discriminazioni a livello sociale, scuola, sport, lavoro, vita sociale.
 

Iniziative e convegni

Mese precedente Aprile 2018 Prossimo mese
L M M G V S D
week 13 1
week 14 2 3 4 5 6 7 8
week 15 9 10 11 12 13 14 15
week 16 16 17 18 19 20 21 22
week 17 23 24 25 26 27 28 29
week 18 30